domenica 18 febbraio 2018

25 febbraio 2018 - Monte Costalta - Lagorai - gita con le ciaspole

Il Monte Costalta (m.1995) è una delle cime più belle della Val dei Mocheni, valle incantata a soli 15 km da Trento. Dalla cima si ha una vista quasi ineguagliabile di tutto l’arco alpino, con possibilità di spaziare dal Monte Baldo alla Cima Tosa del Brenta, dal Carè Alto all’Ortles e da Merano 2000 allo Sciliar. Il punto di partenza è Passo Redebus, raggiungibile da Baselga di Piné. Il percorso inizia presso il bivio per la Malga Combroncoi, sul lato della Valle dei Mocheni. Posteggiata la macchina si procede lungo la strada in direzione Dosso di Costalta, con destinazione Malga Cambroncoi, che si raggiunge dopo circa 1 ora di cammino.
L’alpeggio è molto bello e merita una piccola sosta, prima di continuare sempre sul sentiero n°404 che ci porta alla meta di Cima Costalta dopo un’altra ora di cammino ripido. Il ritorno avviene sulla stessa strada dell’andata.
Monte Costalta - verso la croce di vetta
Per Informazioni ed iscrizioni:
Davide Mantovanelli: tel 348 7035660

Luogo e orario di partenza: casello di Verona Nord ore 7:30
Itinerario automobilistico: Verona - autostrade del brennero - uscito di Trento SUD - Povo - Civizzano - Baselga di Pinè - Bedollo - Passo Redebus - km 120

Difficoltà: dislivello: m. 500. Tempo di salita: ore 2.30

Itinerario facile con dislivello affrontabile da molti escursionisti

Attrezzatura indispensabile:
- abbigliamento adeguato alla stagione
- scarponi. ATTENZIONE: no doposci con pianta "larga" potrebbero non entrare nell'attacco delle ciaspole
- ATTENZIONE: portate i vostri bastoncini, anche da sci- pranzo al sacco

La traccia del percorso    Fonte: https://www.trentino.com/
Descrizione: dal valico si percorrono pochi metri sulla S.P. che scende verso la Valle dei Mòcheni/Bersntol e, subito sulla dx, si imbocca la S.F. Cambroncòi che in leggera pendenza sale nel bel bosco rado. Dopo un lungo tratto si è in vista – in alto sulla dx – della M.ga Pez m. 1582 (panorama); seguendo sempre la lunga S.F. si raggiunge l’Agr. M.ga Cambroncòi m. 1705 «ore 1.30» (ottima posizione panoramica – fin qui a volte la strada può essere battuta per agevolare l’accesso all’agriturismo). Ora si punta verso E, tagliando tutta la zona pianeggiante e raggiungendo il limite della vegetazione: si è a q. m. 1730 ca.
Indi si imbocca una visibile e larga mulattiera che sale nel bosco fitto denominato Taiadi raggiungendo poi, senza errori, una zona con rada vegetazione. La mulattiera tende a farsi pianeggiante: si è a q. m. 1880 ca. Con percorso panoramico, si lascia la mulattiera e verso N si raggiunge subito l’ampia Sella de’ Pra’ dei Morbi m. 1888. Indi piegando decisamente a sx (SO) con salita panoramica si perviene alla grande croce in ferro sita sul Dosso di Costalta m. 1955 «ore 1.00-2.30», mèta dell’it. n. 1.
Discesa: lungo l’itinerario di salita (1,5 ore)

venerdì 2 febbraio 2018