domenica 24 dicembre 2017

Presentato il nuovo calendario AdM 2018 !

sabato 16 dicembre ci siamo incontrati, per gli auguri e per ricordare le avventure del 2017..






Presentato il nuovo calendario escursioni AdM 2018 !

21 gennaio

Cima Capi – Via Ferrata Susatti
Riva del Garda
Alpinistica

sabato 3 febbraio

Notturna alle Viote
Monte Bondone - gita con le ciaspole

25 febbraio

Monte Costalta - Lagorai
gita con le ciaspole

4 marzo - recupero gita ciaspole


8 aprile

Lungo i canali di Padova
Ciclabile

13 maggio
Da Avesa a Montecchio, risalendo la Val Borago
escursionistica E

2-3 giugno
Malles-Merano-Lago di Caldaro
Ciclabile

17 giugno

Rifugio Lancia al Pasubio
salita al Dente Austriaco/Italiano
escursionistica E

6-7 e 8 luglio

Grand Combin
Svizzera - Alpinistica

15-16 settembre

Quarta Pala di San Lucano
Dolomiti Bellunesi
Pernottamento Bivacco Bedin
escursionistica EE / EEA

Domenica 14 ottobre

Val di Tovel, dolomiti di Brenta
escursionistica E

ATTENZIONE: l'attività escursionistica e alpinistica è soggetta a rischi e pericoli soggettivi ed oggettivi. L'associazione Amici della montagna declina ogni responsabilità in ordine ad eventuali infortuni che dovessero verificarsi in danno dei partecipanti nel corso delle escursioni programmate. Si fa presente che l’Associazione Amici della Montagna ha natura prettamente amatoriale, senza scopi di lucro, ed i suoi organizzatori e capo gita non sono professionisti, ma semplici appassionati della montagna, le cui competenze ineriscono esclusivamente alla logistica ed all’illustrazione dei percorsi escursionistici. Si esclude, pertanto, l’assunzione da parte degli stessi di qualsivoglia responsabilità riguardanti la tutela dell’incolumità dei partecipanti. Si fa, infine, presente che la partecipazione alle gite da parte di minori è ammessa solamente laddove questi siano accompagnati da genitori o da accompagnatori adulti che se ne assumano ogni responsabilità.

venerdì 22 dicembre 2017

22 dicembre 2017 - Attenzione alle condizioni !


photo by AdM - Ruga del Zalica
Condividiamo una importante segnalazione (fonte pagina facebook) dell'alpinista Tarcisio Bellò
Le condizioni delle nostre prealpi sono molto difficili, attenzione alle escursioni senza l'indispensabile attrezzatura alpinistica, picozza e ramponi.
Indispensabile è inoltre l'esperienza nell'utilizzo di tale attrezzatura
Comunque..buone gite

VAJO REPORT 21-12-2017
ATTENZIONE ATTENZIONE 
Rispetto alla precedente settimana, da oggi fino a NATALE, LUNEDI 25 DICEMBRE, l’attività in quota per gli ESCURSIONISTI dovrebbe presentare una PERICOLOSITA’ ANCORA PIU' ALTA, a causa del manto nevoso ventato a nord e riscaldato a sud che è diventato molto più duro e ghiacciato. In caso di scivolata anche su pendii moderati non c’è modo di frenare la caduta, e il PERICOLO è MORTALE.
In una scala da 1 a 10, ora il rischio d’incidente è aumentato a 9, cioè condizioni quasi estreme di pericolo per chi non è adeguatamente attrezzato di piccozze e ramponi o non ne conosce molto bene l’uso. Il manto ghiacciato potrebbe causare seri incidenti per gli escursionisti non solo in Piccole Dolomiti ma anche in altre aree come il Monte Baldo, il Monte Grappa ecc. 
Il fatto di calzare le ciaspe o le catenelle non evita il rischio semmai aumenta fortemente l’esposizione al pericolo consentendo di salire più in quota o su tratti scoscesi che poi possono tradire e causare incidenti fatali.
Il BOALE FONDI (come altri percorsi ripidi sullo stesso versante) se affrontati senza piccozze e ramponi sono da considerare estremamente pericolosi.
Invece per gli alpinisti molto esperti sono ormai numerosi i percorsi ripetuti: Vajo dei Colori, Vajo dei Camosci, Vajo Bianco, Vajo Ottone, Vajo Interrotto, Vajo Intramosca, Vajo Mosca, Diretta Mosca, Vajo Casara, Vajo Dal Cengio, Vajo delle Frane, E’ qui il Ben Nevis, Vajo Rovescio e moltissimi altri.
Questi itinerari sono percorribili con le dovute cautele ma non bisogna assolutamente commettere errori durante la progressione o avere inciampi perché difficilmente si sopravvive. 
Per gli alpinisti esperti come discesa attualmente consigliabile crediamo sia preferibile il Boale Fondi dove si riesce scendere faccia a valle rispetto al Boale Mosca che presenta neve molto dura e pendii ripidi su cui si deve giocaforza scendere in piolet traction.
CONDIVIDETE PER FAVORE !!!

Buon Natale e felice anno (AdM) nuovo !

lunedì 4 dicembre 2017

allora è proprio iniziato l'inverno ! da NANOPHOTO

..allora SI ! diamo ufficialmente il via alla stagione sci(alpinistica) !
dal Nano il primo video della stagione

sabato 2 dicembre 2017

da www.larena.it: Malga Malera, nella «Busa» si va a -28 gradi

estratto da www.larena.it 1 dicembre 2017:
Il sensore dei soci di Estremi di Meteo4, posizionato nella dolina della Busa di  Malga Malera, ha segnato questa notte alle 3.44 la temperatura di meno 28.1 gradi.
Ancora di più dei livelli del 2010, quando soltanto per un guasto della tecnologia utilizzata, non si riusci a misurare temperature più basse dei -27.5 (ma erano probabilmente inferiori ai -30 gradi).
In una conca sull'altopiano di Asiago sono stati sfiorati stanotte i -34 gradi.
PHOTO BY   http://www.meteo4.com