martedì 29 gennaio 2008

Da "L'Arena" del 29 gennaio 2008

Passeggiata dell’orso tra le case di PRADA
SAN ZENO DI MONTAGNA.
L’animale non va in letargo, mentre la Polizia provinciale continua i controlli e invita:
«Non lasciate rifiuti in giro, deve restare schivo com’è»
di Barbara Bertasi
Il nome non è granché: KJ2G2. Ma è lui, l’orso del Baldo. Che per ora di letargo non vuole sentire parlare. Arrivato quest’estate dal comprensorio (e parco) dell’Adamello Brenta, sta mettendo radici e prendendo abitudini. A PRADA, è stato avvistato due volte in tre giorni. È comparso, sempre di notte, davanti alla casa della stessa persona, la quale, ha segnalato il caso al Corpo forestale dello Stato di San Zeno di Montagna e alla Polizia Provinciale, che hanno effettuato un sopralluogo.«Era proprio bello, placido e tranquillo», racconta Giorgio Silvetti, 58 anni, comandante Alitalia in pensione, uno dei pochi che per tutto l’anno, dopo 36 anni di voli, risiede stabilmente in via Fies, poco lontano dall’impianto di risalita, dove il plantigrado gli ha fatto visita. «In questa zona», racconta, «ci sono tantissimi animali: uccelli, caprioli, scoiattoli. E da quando abito qui, cioè da due anni, ho familiarizzato con una volpe che viene spesso a trovarmi perché le lascio del cibo: panini, resti di carne, avanzi». Silvetti ha due cani. Arno, un incrocio tra un lupo e un maremmano, e Billo, un labrador. «Vivono liberi in giardino e sono le mie sentinelle», dice. «Abbaiano per qualsiasi rumore, ma quella sera, verso le 23, erano letteralmente impazziti». Silvetti a quell’ora era già a letto. Sentendo il baccano, ha preso una grande torcia elettrica ed è corso sul terrazzo per capire che accadesse: «Ho visto due occhi grandi, grandissimi», ricorda. «Ma in PRADA ci sono parecchi asini e cavalli liberi, perciò ho pensato che uno di loro fosse arrivato fin qui». Fino a Fies, dove sta la sua villetta tra un grumo di case a picco sul lago di Garda, giusto sopra Castelletto di Brenzone. «Invece, puntando il faro, ho capito che era un orso, un bell’esemplare», dice. «Stava proprio nel punto dove di solito metto gli avanzi. E, mentre i cani impazzivano, lui rimaneva fermo, immobile, senza dar segni di paura. S’è mangiato le ossa, i panini della volpe e, mentre lo illuminavo, guardava tranquillo oltre la rete. S’è fermato dieci minuti buoni. Che emozione». Poi è rientrato nel buio, scomparendo tra i noccioli, le roverelle, gli arbusti del bosco che cresce al limitare del cortile.Silvetti, il giorno seguente, è corso a comprare un’altra pila, stavolta da 500 watt, che subito tornata buona. «Verso l’una ho sentito di nuovo i cani abbaiare follemente. Sono uscito e l’orso era ancora lì. Illuminandolo potentemente l’ho visto meglio. Camminava lento, pacifico, con la testa alta. Ha un bel pelo liscio, un mantello scuro con una chiazza più chiara sul fianco destro. Ha mangiato i panini, la pastasciutta, ma se n’è andato quasi subito». Silvetti ha avvertito le forze dell’ordine: «Solo per far sapere che, se in due giorni l’orso si presenta nella medesima zona, significa che è quella che frequenta abitualmente, che sta qui», dice. «È una ricchezza per noi e per questa montagna, una presenza che personalmente mi ha emozionato. Gli darei sempre da mangiare per farmelo amico e vederlo spesso, ma la polizia provinciale me l’ha vietato, raccomandandomi di ritirare ogni traccia di rifiuti per evitare che familiarizzi troppo con l’uomo e che s’avvicini alle case».Katherine Cozza, l’agente della Polizia provinciale che segue la questione su incarico del comandante Davide Zeli, commenta. «L’orso è stato descritto come molto bello, con un pelo folto e in ottima forma, ciò che si addice a un animale sano e giovane qual’è, prossimo a compiere i due anni», spiega. «Come di prassi, siamo saliti a San Zeno per raccogliere informazioni e per spiegare l’etologia dell’orso. In questo caso abbiamo soprattutto raccomandato di non dare cibo, soprattutto avanzi casalinghi, per evitare che s’abitui a frequentare case e giardini e perché resti selvatico, in grado di alimentarsi autonomamente di quanto il Baldo già gli offre in abbondanza».

1 commento:

D Entertainment ha detto...


Sau đó Nhạc Thành liền rời khỏi hoa viên của Hàn Giang Đào, thời gian kế tiếp, Nhạc Thành định rằng sau khi đột phá tới Kim Đan Kỳ thì sẽ có thực lực tứ tinh đấu tông, như vậy là đủ để đối phó rồi.
đồng tâm
game mu
cho thuê phòng trọ
cho thuê phòng trọ
nhac san cuc manh
tư vấn pháp luật qua điện thoại
văn phòng luật
số điện thoại tư vấn luật
dịch vụ thành lập doanh nghiệp
http://we-cooking.com/
chém gió
Màn đêm buông xuống, Nhạc Thành nói với chúng nữ một tiếng rồi bế quan.

Sáng sớm ngày hôm sau, Nhạc Thành tiến vào trong phòng tu luyện, cả học viện mọi người hiện tại đều biết Nhạc Thành, vị trưởng lão ơ nơi này nhìn thấy Nhạc Thành xong liền nhiệt tình đưa hắn tới phòng chữ thiên, Nhạc Thành cũng không keo kiệt mà cho lão một viên ngũ phẩm sơ giai đan dược.

Ở phòng tu luyện bố trí cấm chế xong, Nhạc Thành bắt đầu tràn ngập linh khí, khoanh chân mà tu luyện, ngồi ở trong phòng tu luyện, hắn cảm nhận được một luồng linh khí vô cùn lớn vây quanh mình, khiến cho hắn cảm nhận được sự thoải mái không nói nên lời.
Lấy lại bình tĩnh, Nhạc Thành bắt đầu vận khởi hỗn nguyên chân kinh tâm pháp, lúc này thất khiên, làn da thậm chí là lỗ chân lông đều có chân khí rót vào.

Được những linh khí này rót vào, Nhạc Thành bắt đầu có một thanh sắc chân khí hình cuầ, dĩ nhiên dưới mắt thường không thể nhìn ra. Mà quanh thân thể Nhạc Thành lúc này đã có một cương quyển thanh sắc bao phủ, một lát sau Nhạc